giovedì 1 dicembre 2016

NO a Lotta Continua. SI al buon senso evangelico

Un post che andrebbe meditato con umiltà , spirito costruttivo  seguendo le esortazioni del Santo Vangelo:

" Osservate come crescono i gigli del campo: non lavorano e non filano.  Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. Ora se Dio veste così l'erba del campo, che oggi c'è e domani verrà gettata nel forno, non farà assai più per voi, gente di poca fede?  Non affannatevi dunque dicendo: Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo?  Di tutte queste cose si preoccupano i pagani; il Padre vostro celeste infatti sa che ne avete bisogno.  Cercate prima il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta.  Non affannatevi dunque per il domani, perché il domani avrà già le sue inquietudini. A ciascun giorno basta la sua pena". (Dal Vangelo di Gesù secondo Matteo)

Buona lettura ! 

"Lotta continua"

Un gentile lettore mi ha scritto per criticare certi comportamenti di vari esponenti del movimento tradizionale.


Stimatissimo Redattore di Cordialiter,
                                                                       perché “l’immagine” dei tradizionalisti deve essere sempre associata alle facce tristi, alle “risse” persino fra preti, alla “lotta continua”?

martedì 29 novembre 2016

Assassinio delle vocazioni al Sacerdozio

Giorni davvero tristi in primis a causa dell'amarissima constatazione che, come abbiamo rilevato in diverse occasioni, le vocazioni alla vita sacerdotale e religiosa sono scese vertiginosamente sotto i livelli di guardia soprattutto durante l'attuale pontificato.
L'iper esaltazione che  si sta facendo della "chiesa del sociale" in questo pontificato privando la vera Chiesa di Cristo  di quel vitale e fecondo slancio verticale verso l'Alto ha prodotto la sterilizzazione delle vocazioni.
La secolalizzazione della società ha fatto il resto.
I vecchi preti un tempo erano soliti misurare l'efficacia di un governo episcopale diocesano proprio dall'ampiezza delle buone vocazioni al Sacerdozio e alla vita religiosa.
Postiamo un interessante articolo apparso sul sito  http://www.crisismagazine.com/2015/how-to-kill-vocations%e2%80%a8 e , grazie alla competente traduzione di Matteo Luini, su Radio Spada.
Buona lettura !
 
Come uccidere le vocazioni

Il Cardinal Raymond Burke ha recentemente messo sotto accusa, per quanto riguarda il precipitoso declino nelle vocazioni sacerdotali, la femminizzazione della liturgia. 

sabato 26 novembre 2016

Prima Domenica di Avvento: riflessioni sul silenzio

Un saggio e devoto Teologo:

Ogni silenzio è differente, perché differenti sono le non risposte, in bona e mala fide.
Il 2017 è alle porte... 
Chi vivrà vedrà. 
La Vergine ha moltiplicato gli appelli.
Preghiamo? 
Facciamo penitenza? 
Temiamo il Signore, facendo tesoro del dono dello Spirito santo?
Adoriamo il Santissimo Sacramento? 
Confessiamo i peccati, pentendoci e riparando nella Santa Messa?
Se stiamo attendendo il Signore come si conviene, possiamo attendere anche il compimento delle Sue promesse anche nelle parti meno rassicuranti...
Gli esegeti modernisti amano collocare le parole di Gesù all'interno dei "generi letterari" e della "apocalittica", quasi a dire che era "un modo di dire", forse forse "aveva esagerato un pochetto", magari "scherzava"...
In pratica Gesù ha detto quel che riportano i vangeli e noi lo sappiamo...
La Vergine a La Salette o Fatima e altrove ha ribadito...
Siamo a ridosso della festa dell'apparizione di Rue du Bac, la medaglia miracolosa rimanda all'Immacolata e l'Immacolata rappresenta la svolta nella storia, cioè Dio che permette il concepimento di una creatura umana priva del peccato origfinale, che poi genererà il Verbo incarnato!
I due cuori sulla medaglia uniscono l'Immacolata è il Figlio Gesù: l'una ha il cuore che le verrà trafitto dalla spada del dolore, l'altro ha il Suo Sacro Cuore incoronato di spine...
Siamo nei giorni che portano alla memoria della Vergine di Guadalupe, con il suo manto stellato che riprende i "segni grandi del cielo" che si sono avuti anche a Fatima e che il capitolo 12 di Apocalisse consegna ad un futuro certo, pur dalla data incerta.
In genere nel dubbio ci si prepara lo stesso. 
Facciamolo.
Se qualcuno non lo fa è un problema suo.
Rileggiamo Giovanni 8,21-30
Il nostro vero problema è come ci troviamo con il versetto 30... e non alla maniera luterana...

martedì 22 novembre 2016

P.Manelli e le incredibili accuse: "Ha una morale e una lezione questa vicenda?"

Un acuto commento di Piero Mainardi in margine alla richiesta di archiviazione  della posizione di Padre Manelli, disposta dalla Procura della Repubblica di Avellino.

Rilancio sulla questione p. Manelli e Francescani dell'Immacolata dopo la richiesta di archiviazione del PM della procura di Avellino dalle accuse infamanti che gli erano state rivolte.


Ha una morale e una lezione questa vicenda? 

Sì e non una sola.

sabato 19 novembre 2016

La turba scellerata urla: "Non vogliamo che Cristo regni". A Te i capi delle nazioni diano pubblico onore Ti adorino i maestri, i giudici le leggi e le arti esprimano Te.

Oggi, domenica 20 novembre, la Liturgia nella forma "ordinaria" celebra la festa di Cristo Re dell'Universo ( quella nella forma liturgica "straordinaria" è stata celebrata domenica 30 ottobre scorso;  per molti  vissuta nel terrore a causa della spaventosa scossa di terremoto che ha devastato tanti centri

mercoledì 16 novembre 2016

Amari frutti del Magistero "unconventional": “scarnificare la Chiesa” riducendo il Vangelo come ideologia

Venerdí scorso, 11 novembre, La Repubblica riportava l’ennesima intervista di Eugenio Scalfari a Papa Francesco. 
Se devo essere sincero, la cosa mi ha lasciato del tutto indifferente: di quello che il fondatore di Repubblica mette sulle labbra del Papa non mi

domenica 13 novembre 2016

«Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro!

Vangelo Lc 21, 5-19 (XXXIII domenica del T.O.)



In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà